Derattizzazione con gli anticoaugulanti

Derattizzazione con gli anticoaugulanti

È previsto l’impiego di 2 principi attivi: che provocano la morte di ratti e topi con un lento processo emorragico, spingendoli cosi una volta ingerito il prodotto, a ricercare corsi d’acqua e ossigeno, generalmente lontano dal posto dove è ingerita l’esca ratticida. Gli anticoagulanti saranno alternati ogni 2-3 interventi per evitare l’insorgere di fenomeni di resistenza da parte dei roditori.

Le composizioni delle esche sono tutte registrate e autorizzate dal Ministero della Sanità. Tutte le esche impiegate sono collocate e protette in appositi contenitori di sicurezza fissati al muro, che permettono una conservazione prolungata della base alimentare e del principio attivo proteggendo persone e animali domestici dal pericolo di contaminazioni, costringendo i roditori a consumarle l’esca sul posto, evitando così la contaminazione e il trasporto in altri luoghi. I contenitori sono dotati inoltre di chiusura di sicurezza anti-manomissione, affinché persone non autorizzate non possano rimuoverli. Tutte le stazioni di avvelenamento sono segnalate da appositi cartelli.

Derattizzazione meccanica

Una derattizzazione completa include anche l’impiego dei sistemi meccanici per la cattura dei roditori infestanti. Per la derattizzazione meccanica è previsto l’uso di trappole. Le trappole meccaniche sono classificate in due grandi gruppi: i dispositivi che catturano il roditore uccidendolo come le trappole a tagliola, a ghigliottina a elettrocuzione o a strisce collanti e i dispositivi che imprigionano l’animale e consentano la sua successiva liberazione. Si distinguono inoltre trappole a cattura singola, in cui bisogna rimuovere l’animale e rimettere l’esca ogni volta, e trappole a cattura multipla che permettono di imprigionare più roditori senza alcun intervento di manutenzione fin quando la capienza è esaurita o l’attrattivo finisce. L’immediato bloccaggio del roditore senza un’ulteriore infestazione dell’area rappresenta un grande vantaggio della derattizzazione meccanica.

Ricordiamo sempre che LA PREVENZIONE E IL PRIMO PASSO PER UNA CORRETTA DERATTIZZAZIONE tagliare (quando presenti) le aree di vegetazione esterne; Ridurre il più possibile le vie d’accesso; Ridurre le fonti alimentari (depositi di residui della produzione).
Una buona pianificazione del posizionamento delle trappole è in grado di completare i risultati ottenuti con la lotta chimica o compensarli laddove questa non è applicabile per motivi di sicurezza.

ESSE DISINFESTAZIONI TI SEGUIRA’ PER STABILIRE UN SISTEMA SICURO CHE TI PORTI ALLA RISOLUZIONE DEL PROBLEMA Contattaci al 3924893800.

Derattizzazione ecologica ad Ultrasuoni


La derattizzazione ecologica a ultrasuoni agisce in modo tale da allontanare topi e ratti, impedendo inutili violenze su questi animali, ma obbligandoli a spostarsi dall’ambiente in modo rapido e definitivo evitando così l’uso di sostanze nocive disperse nell’ambiente. L’impianto è impercettibile dagli esseri umani. Le frequenze emesse rimbalzando su pareti e oggetti solidi aumentano la loro forza riuscendo a raggiungere tutti i punti dell’ambiente in cui è istallato l’impianto di emissione, in tal modo tutta l’area sarà protetta, e il problema sarà risolto, senza alcun fastidio per chi vive o lavora nell’ambiente.

La derattizzazione svolta senza il ferimento o l'uccisione delle bestie, scongiura il rischio di eventuali ritrovamenti, nell’area trattata, di cadaveri non solo sgradevoli ma soprattutto causa di considerevoli rischi per la salute, in particolar modo in ambienti nei quali è indispensabile il rispetto di severe norme igieniche. dieta, non esita infine a praticare la coprofagia. Naturalmente l’utilizzo di uno o dell’altro metodo, verrà valutato dal tecnico specializzato, che dopo un’attenta analisi dell’area da trattare, valuterà il grado dell’infestazione, il tipo di locale da trattare, per giungere poi alla soluzione più adatta ed efficace da utilizzare.

Specie di Roditori

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy